logo usrc

Messaggio di commiato e ringraziamento da parte del Direttore USRC Paolo Esposito

chisiamoIl 14 maggio 2018 è il mio ultimo giorno alla guida dell’USRC_Ufficio Speciale della Ricostruzione, a pochi mesi dalla scadenza del secondo mandato triennale, per continuare il mio percorso professionale sul versante aziendale, dal quale provenivo e dove ho accumulato oltre venti anni di esperienza nell’ambito delle Direzioni Personale e Organizzazione di gruppi italiani e multinazionali, prima di accettare questo delicato incarico in ambito Ricostruzione.

Una esperienza post sisma che per quanto mi riguarda era cominciata già all’alba del 6 aprile 2009, quando da Dirigente di una azienda francese con stabilimento a Scoppito (AQ) – la farmaceutica Sanofi –  ho e abbiamo lavorato intensamente per garantire sin dalle prime ore dopo la scossa la messa in sicurezza del sito ed un futuro abitativo ai nostri collaboratori, con la costruzione del villaggio per oltre 500 persone, esempio di capacità di pronta reazione e attenzione verso i destini della comunità che ci ospitava.

Leggi tutto...

6 aprile 2018 - A che punto siamo

presidenza consiglio bAlla vigilia del nono anniversario del tremendo sisma del 6 aprile 2009 la Struttura di Missione fa il punto della situazione sulla ricostruzione pubblica, privata e sulle azioni di sviluppo avviate.

Scarica il documento

 

 

 

 

Pubblicata la Delibera CIPE numero 110, del 22 Dicembre 2017

repubblica ita bSono state pubblicate tre importanti delibere CIPE predisposte dalla Struttura di Missione per la ricostruzione in Abruzzo che assegnano oltre 100 milioni di euro per la ricostruzione di 133 strutture pubbliche relative al patrimonio culturale, edilizia scolastica ed edilizia universitaria.

In particolare la Delibera CIPE 22 dicembre 2017 n. 110 pubblicata sulla G. U. n. 125 del 31 maggio 2018 “Sisma Abruzzo 2009 – Assegnazione di risorse al settore ricostruzione del patrimonio pubblico – «Edifici scolastici» – piano annuale 2018 – Ministero dell’istruzione, dell’Università e della ricerca” con cui il Comitato ha approvato il primo Piano annuale per il 2018 relativo al settore “Edifici scolastici” predisposto dal MIUR nell’ambito della programmazione pluriennale di settore, assegnando l’importo complessivo di 30,4milioni di euro. Il Piano finanzia 56 interventi su edifici scolastici, di cui 49 riguardanti scuole per l’infanzia e scuole secondarie di primo grado e 7 da attivare su scuole secondarie di secondo grado. L’obiettivo del programma del Miur è ripristinare l’offerta del sevizio scolastico nella sua interezza, assicurando nel contempo il raggiungimento di un adeguato livello di sicurezza con un valore di indice di protezione antisismica pari al 100%, garantito ove si proceda alla sostituzione edilizia e dove risulti tecnicamente possibile ed economicamente sostenibile.

Nota informativa sui profili tecnici e finanziari Ricostruzione Comuni dentro e fuori Cratere 2009 alla data del 13 maggio 2018

usrc big

Ricostruzione privata dentro e fuori cratere

Profili finanziari:
-  Ammissione a contributo dal 2009 ad oggi: circa 1,884 miliardi di euro impegnati (1,52 nel cratere) su una stima di circa 4,2 miliardi di euro previsti come impegno totale.
-  Erogati circa 1.209 miliardi di euro (di cui circa 740 milioni dall’Usrc).

Agibilità (singole abitazioni) ripristinate:
-  Circa 7.100 abitazioni tornate “agibili” (escluse le abitazioni classificate “A”) su una stima di circa oltre 24.000 abitazioni inagibili iniziali.

Cantieri attualmente “attivi”:
-  Cratere: 653 (di cui 420 dentro “centro storico”)   
-  Fuori cratere: 617

Leggi tutto...

Ordinanza n.51 registrata il 29 marzo 2018 al n. 663

presidenza consiglio bAttuazione dell’articolo 13 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito con modificazioni dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, e s.m.i. Interventi di ricostruzione su edifici pubblici e privati già interessati da precedenti eventi sismici.

Link all'ordiananza

 

 

 

24 maggio: USRC partecipa agli Incontri Internazionali di Restauro e Rigenerazione Urbana di Officina L'Aquila 2018

20180524 officina aqGiovedì 24 maggio 2018 alle ore 10:00, presso l’Auditorium del Parco a L’Aquila si è svolto l’incontro dal titolo: “L’Aquila che verrà: il 5G e i progetti strategici per il futuro. Infrastrutture, nuovi insediamenti industriali e riuso delle strutture pubbliche restaurate”.
L’USRC ha partecipato illustrando l’utilizzo di alcuni strumenti tecnologici al passo con i tempi, che sfruttano la connettività in 4G degli smartphone per esplorare le attività di ricostruzione post-sisma 2009 nei Comuni del cratere.
Dopo aver sviluppato tecnologie WebGis utilizzabili attraverso il Personal Computer, dal 2017 l'USRC è entrato nel campo delle tecnologie legate alla "Realtà Virtuale" (VR) su smartphone come strumento avanzato per la diffusione sul web delle attività di ricostruzione.
Ad oggi è disponibile per smartphone una app che consente di accedere in tempo reale ai dati sulla ricostruzione, da remoto o camminando tra le vie di uno dei 56 borghi che si stanno ricostruendo. L'app "Layar" permette all'utente di inquadrare un edificio con il proprio smartphone (dotato di GPS, bussola e collegamento ad internet) e di leggere sullo schermo le principali informazioni sullo stato della pratica di ricostruzione ad esso collegata. Inoltre, Layar permette anche di fare una ricerca di un edificio di interesse e sempre tramite il navigatore del telefonino di essere condotti sul posto. Al seguente link un video che illustra la app.
L'USRC è impegnata anche nella creazione di archivio fotografico della ricostruzione post-sisma 2009 del cratere sismico, attraverso l'utilizzo di Google Street View e di droni per scattare foto a 360° del territorio. L'idea è quella di confrontare - e rendere pubbliche - le immagini dei paesi colpiti dal terremoto PRIMA del terremoto, DURANTE la ricostruzione e DOPO la fine della ricostruzione degli edifici danneggiati dal terremoto (a questo link un video che illustra il progetto); il tutto consultabile on-line, sia direttamente su Google Maps che sul webgis (webgis.usrc.it) che già incorpora sia Google Maps che Street View, e che illustra graficamente tutti gli interventi di ricostruzione post sisma in abruzzo su mappa.
Dal lavoro si qui svolto da USRC emerge con forza che l'utilizzo e la diffusione di tali tecnologie può avvenire soltanto attraverso la realizzazione di reti di connessione dati 4G/5G ad alta velocità anche nei comuni del cratere sismico abruzzese, che ad oggi non risultano coperti se non in modo frammentato.

Pubblicate le delibere CIPE n. 111 e 114 del 2017

repubblica ita bE’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2018 la Delibera CIPE 22 dicembre 2017, n. 111.
Il Comitato ha preso atto della richiesta avanzata dall’Ufficio scolastico regionale per l’Abruzzo, volta a utilizzare per gli anni scolastici 2017/2020, le risorse residue di 4.010.265,54 euro, già nella disponibilità delle istituzioni scolastiche di L’Aquila e non ancora utilizzate, assegnate dall’ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3979/2011.

Inoltre è stata approvata la Delibera 114 del 2017  relativa alla assegnazione di risorse per la copertura delle spese obbligatorie connesse alle funzioni essenziali da svolgere nei territori colpiti dal sisma – Annualita’ 2017/2019.

28 marzo: Policy Lab - Risposta alle emergenze e ricostruzioni in Italia

actionaidE’ questo il titolo del panel organizzato da Actionaid a Roma nella giornata del 28 marzo, attraverso una riflessione che ha visto partecipare uffici, persone, enti che hanno partecipato a vario titolo ai processi emergenziali e di ricostruzione post sisma degli ultimi 10 anni (Abruzzo 2009, Emilia 2012, centro Italia 2016), compresi l’ex Ministro della Coesione Territoriale Fabrizio Barca e l’ex Capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio.

Provocatorio il sottotitolo dei lavori, “se l’Italia tornasse a tremare”, e con un interrogativo di base: quale sarebbe l’avanzamento più rilevante per il Paese, raggiungibile in 10 anni a partire dalla situazione attuale, in tema di prevenzione delle emergenze e Governance delle ricostruzioni post catastrofe? Si è partiti dalla consapevolezza che tale interrogativo porta con sé diverse complessità e potenzialmente abbraccia un campo di indagine e di dibattito immenso, impostando il Policy Lab in due momenti distinti: la prima parte con indicazioni e sollecitazioni del tavolo con un primo confronto tra gli attori, la seconda con due gruppi di lavoro; il primo impegnato sulle questioni legate alla prevenzione e alla gestione delle emergenze, ed il secondo concentrato sulla ricostruzione post catastrofe e il rilancio territoriale dei luoghi e delle comunità colpite.

Leggi tutto...