logo usrc

20190920 sandemetrioLo scorso 20 settembre si tenuto il convegno “Dieci anni dal sisma il valore della scelta fatta dall’Istituto Comprensivo e le nuove potenzialità” organizzato dal Comune di San Demetrio in sinergia con la Barilla.

Sono intervenuti al convegno i rappresentati dei numerosi enti e delle aziende che hanno partecipato attivamente alla riparazione dell’Istituto ed alla realizzazione dei nuovi edifici che hanno contribuito a migliorare la dotazione della scuola, riportando l’agibilità della stessa a soli 100 gg dal sisma e aggiungendo nel tempo ulteriori interventi di ampliamento; è stata scoperta la targa di omaggio all’azienda Barilla in presenza del sindaco Silvano Cappelli, del vicepresidente Paolo Barilla, dell’assessore allo sport Guido Liris, del consigliere regionale Roberto Santangelo e del titolare USRC, dei rappresentanti dell’Istituto e di tantissimi bambini intervenuti alla 5° edizione della festa dello sport.

La vicenda dell’istituto comprensivo “F. Rossi” rappresenta un esempio virtuoso di come la collaborazione tra enti pubblici e aziende private possa portare a risultati eccellenti: a seguito del sisma 2009, che ha gravemente danneggiato la scuola, il comune di San Demetrio ha siglato un Protocollo d’Intesa con Provincie, Comuni ed aziende che hanno offerto un contributo per la riparazione dell’edificio. Gli sforzi messi in campo hanno consentito la riapertura degli edifici adibiti ad aule ed uffici già nel mese di settembre 2009 consentendo la ripresa delle attività didattiche che erano state bruscamente interrotte dal sisma.

Il 19 settembre 2009 è stato inoltre inaugurato il nuovo asilo nido realizzato dai soggetti sottoscrittori del protocollo d’Intesa; nal 2010 è intervenuta la Barilla che ha donato la nuova palestra scolastica di dimensioni maggiori di quella esistente alla data del sisma che risultava ancora danneggiata.

Ad oggi sono in corso i lavori di riparazione dei restanti edifici (ex palestra e spogliatoi) che sono stati finanziati con contributo di USRC a valere su fondi CIPE. Gli interventi, volti alla riparazione e miglioramento sismico delle strutture consentiranno di completare l’intero complesso dell’Istituto comprensivo e consentire di nuovo la piena fruibilità della aree, che in futuro dovrebbero tra l’altro ospitare una scuola di cucina.

Il giorno successivo le celebrazioni sono proseguite con i ringraziamenti a operatori, professionisti e volontari della consulta della protezione civile delle province toscane (capofila la Provincia di Arezzo), della Regione Toscana e di un pool di aziende private che resero possibile la costruzione dell'edificio. L’USRC è intervenuto facendo il punto sulla ricostruzione privata, in particolar modo quella di San Demetrio Né Vestini, che se verrà garantito lo sforzo congiunto tra comune professionisti e USRC, potrà vedersi conclusa entro 4 anni.