logo usrc

programmazionefase di PROGRAMMAZIONE

  Fonte finanziaria: Delibera C.I.P.E. 135/2012
  Descrizione oggetto di intervento:
L’edificio oggetto dell’intervento è il Municipio di Castel del Monte (AQ) situato a ridosso del borgo antico ed  identificato in mappa con la particella n. 489 del foglio 22, allegato A.
L’edificio è stato realizzato in muratura di pietrame disordinato e malta di calce; su alcune pareti si rileva la presenza di ricorsi in mattoni.
Tutta la parte basamentale a vista del piano terra è in pietra squadrata a faccia vista, mentre gli altri due piani hanno le pareti esterne intonacate con rivestimento plastico esterno scandite da una certa regolarità delle bucature e da una fascia marcapiano tra il piano primo e i piano secondo in muratura sagomata e intonacata; l’accesso all’edificio avviene dal piano seminterrato e ad esso ci si arriva da due rampe molto ripide parallele alla viabilità principale.
Per quel che riguarda gli orizzontamenti si sono rilevate le seguenti tipologie:

  • volte in mattoni al primo orizzontamento;
  • solai piani in putrelle di ferro e voltine al piano primo e secondo;
  • solaio in latero cemento con travi in c.a. al piano di sottotetto e di copertura.

La struttura è abbastanza regolare ed il collegamento tra il piano seminterrato e gli altri due piani avviene per mezzo di un vano scala centrale senza ascensore.
Il piano interrato è attualmente destinato a serbatoio idrico (per erogare l’acqua ai fontanili della piazza e ai bagni pubblici) e l’unico accesso è situato all’interno del vano ingresso al piano terra e avviene per mezzo di una botola e scala alla marinara.
Al piano seminterrato l’ala Ovest è utilizzata come forno comunale e attività polifunzionale, l’ala Est è utilizzata in parte come archivio comunale e in parte come cabina elettrica comunale;
Il piano primo è utilizzato per uffici comunali, anagrafe, tributi e archivio, e una parte come centrale telefonica Telecom a servizio dell’intero paese.
Il piano secondo è utilizzato per uffici comunali, ragioneria, polizia municipale, segretario, sindaco, giunta comunale e sala consiliare.   
  Epoca di costruzione:
L’edificio è stato realizzato a partire dal 1899, per realizzarvi un mulino ad acqua, ed era inizialmente composto da un piano interrato, con funzioni di serbatoio idrico (funzione che detiene tutt’ora), da un piano seminterrato (interrato nel lato a Sud), da un primo piano fuori terra e da un tetto con copertura a padiglione; solo successivamente è stato realizzato un altro piano, portando l’edificio ad essere composto complessivamente da quattro piani.
Le date delle diverse sopraelevazioni non sono note ma si ipotizza un’ultimazione lavori intorno agli anni ’70 con la realizzazione dei solai di sottotetto e di copertura con travi in c.a. e solai in latero-cemento.

 municipio

  Descrizione dello stato di danno:
L’edificio presenta segni di degrado delle strutture, delle componentistiche, delle finiture sia interne che esterne e degli impianti, come visibile dagli elaborati di rilievo. Nonostante una discreta risposta positiva del manufatto all’azione sismica, il fabbricato presenta un alto grado di vulnerabilità e presenta un quadro fessurativo diffuso.

  Esito di agibilità: E

  Importo finanziato: € 2.390.000,00

  C.U.P. C57B09000000001

 

progettazionefase di PROGETTAZIONE

  Tipologia di intervento:
Restauro e risanamento conservativo

  R.U.P:
Arch. Costantino Mastrangelo
  Progettista:
Arch. Antonio Zavarella
Arch. Walter Emilio Pace
Ing. Vincenzo Marchetti

municipio tav1
muro tav2clicca per ingrandire

  Descrizione scelte progettuali:

Il progetto preliminare per il ripristino ed il miglioramento sismico del fabbricato, prevede tutti gli interventi necessari per rendere l’edificio funzionale alle attività connesse alla sua destinazione d’uso di sede di “Palazzo Comunale”. Nell’intervento sono previste tutte quelle opere ed attrezzature necessarie per rendere l’edificio adeguato alle normative vigenti in termini di impiantistica, elettrica, tecnologica, di prevenzioni incendi, superamento delle barriere architettoniche, sanitaria e di impianto di deflusso e smaltimento delle acque bianche e nere. Il progetto prevede una generale ridistribuzione degli spazi interni ed esterni oltre ad un adeguamento funzionale per l’eliminazione delle barriere architettoniche, partendo dalla considerazione che il piano interrato non verrà più utilizzato come serbatoio idrico, la cabina elettrica e la centrale telefonica verranno dislocate altrove fuori dall’edificio e che alla luce di questi accadimenti l’edificio comunale potrà finalmente essere considerato il centro direzionale, organizzativo e di servizio dell’abitato di Castel del Monte.

 

attuazionefase di ATTUAZIONE

Affidamento
  Procedura d'appalto:
  Data di pubblicazione del bando:      Scadenza:
  Importo lavori a base d'asta:      Importo lavori: 

 

Esecuzione
  Direttore lavori:
  Coordinamento sicurezza:
  Impresa esecutrice:
  Data inizio lavori:   Data fine lavori: