FAQ 21 del 23/07/2013
In presenza di un aggregato che contenga un esito “E” è possibile estendere l’adeguamento energetico, l’adeguamento impianti ed il superamento delle barriere architettoniche all’intero aggregato?

Tenuto conto della circolare n. 430/STM (cosiddetta circolare impianti) e del decreto 44 relativo all'adeguamento energetico, per gli aggregati fuori e dentro i centri storici nei quali ė presente un esito “E”, nei casi in cui si adotterà la scelta di richiesta di contributo ai sensi dell’OPCM 3820, il contributo per l'adeguamento impianti e l'adeguamento energetico è esteso alla singola unità strutturale così come definito dalle N.T.C. 2008 art. 8.7.1 e riportata nella circolare del Commissario Delegato prot. n. 1021/STM del 28 febbraio 2012, sempre che sia compresa una porzione classificata “E”, avendo comunque l'obbligo di adottare interventi che portino ad adeguare la trasmittanza secondo i criteri di cui al D.l. 44 per l'intera unità strutturale così come individuata dal professionista ai sensi della stressa circolare. Per il calcolo del contributo si dovrà evidenziare la superficie complessiva della singola unità strutturale, che sarà quella di riferimento anche per la verifica del limite di contributo ai sensi del Decreto 27 art. 1 e 2 del 2010. Con lo stesso criterio si potrà operare per la richiesta del Contributo per il superamento delle barriere architettoniche di cui al D.C.D. n. 59 del 29 aprile 2011.
Rif.: circolare n. 430/STM. Circolare n 1021/STM. D.L. 44/2011. DCD 59/2011. OPCM 3820. N.T.C. 2008 art. 8.7.1
Revisione del 29/07/2013